Contenuto principale

Guida alla TARES 2013

Adempimenti dei contribuenti

Con il presente comunicato il Comune di Castellammare di Stabia, al fine di facilitare gli adempimenti dei contribuenti, intende precisare il corretto comportamento da tenere per il pagamento della Tares 2013 per le seguenti casistiche:

I. Primo caso. Il contribuente non ha ricevuto né la cartella esattoriale per le prime due rate di acconto da parte di Equitalia né l’avviso comunale (contenente il modello F24) per il saldo a favore del Comune e la maggiorazione standard (0,30 euro a mq) a favore dello Stato.

I.a. Il contribuente può tranquillamente attendere la notifica della cartella esattoriale e pagare entrambe le rate d’acconto nei primi 60 giorni oppure pagare nei primi 60 giorni la prima rata d’acconto e nei successivi 30 giorni la seconda rata d’acconto. Il contribuente ha comunque la possibilità di recarsi presso gli sportelli Equitalia con il codice fiscale dell’intestatario del tributo ed assolvere al pagamento direttamente allo sportello.

I.b. Per quanto riguarda il saldo si può recare presso l’Ufficio Tributi, ubicato al Vico I S. Anna n. 2, tutti i giorni dalle 9 alle 13,30 ed il pomeriggio del martedì e giovedì dalle 16 alle 18, per ritirare un duplicato del modello di pagamento del saldo della Tares. Può altresì inviare apposita richiesta email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , con l’indicazione del proprio codice fiscale per ricevere in risposta on line il modello di pagamento di cui sopra.

Il modello F24 riporta due codici tributo: il codice 3944 è relativo al saldo TARES di competenza comunale mentre il codice 3955 è relativo alla maggiorazione standard (0,30 euro a mq) a favore dello Stato. Tale modello può essere integralmente pagato entro il 7 febbraio 2014 oppure, per coloro che intendono usufruire della dilazione, dovrà essere pagato nel seguente modo:

- la somma relativa al codice 3955 dovrà essere pagata entro il 7 febbraio 2014. Si precisa che la dilazione del pagamento del tributo statale rispetto alla data prevista dalla legge (cioè il 24 gennaio 2014) non comporterà l’applicazione di sanzioni e interessi ai sensi dell’art. 5, comma 4 bis, del D. Lgs. 102 del 2013 ed in ossequio all’art. 10, comma 2 dello Statuto del contribunte;

- la somma relativa al codice 3944 di competenza comunale potrà essere pagata in tre rate di pari importo con scadenze rispettivamente del 28 febbraio 2014, 31 marzo 2014 e 30 aprile 2014, senza il pagamento di sanzioni ed interessi.

II. Secondo caso.

Il contribuente non ha ricevuto la cartella esattoriale per le prime due rate di acconto da parte di Equitalia ma ha ricevuto l’avviso comunale (contenente il modello F24) per il saldo a favore del Comune e la maggiorazione standard (0,30 euro a mq) a favore dello Stato.

Per quanto riguarda la cartella Equitalia, si rinvia all’ipotesi I.a. innanzi esaminata.

Per quanto riguarda il saldo si rinvia alle possibilità di pagamento indicate all’ipotesi I.b. sopra esaminata.

III. Terzo caso.

Il contribuente ha ricevuto la cartella esattoriale per le prime due rate di acconto da parte di Equitalia ma non ha ricevuto l’avviso comunale per il saldo a favore del Comune e la maggiorazione standard (0,30 euro a mq) a favore dello Stato.

Per quanto riguarda la cartella Equitalia dovrà pagare nei tempi previsti dalla cartella a decorrere dalla notifica della stessa.

Per quanto riguarda il saldo si rinvia all’ipotesi I.b. sopra esaminata.

IV. Quarto caso.

Il contribuente ha ricevuto sia la cartella esattoriale per le prime due rate di acconto da parte di Equitalia che l’avviso comunale per il saldo a favore del Comune e la maggiorazione standard (0,30 euro a mq) a favore dello Stato.

Per quanto riguarda la cartella Equitalia dovrà pagare nei tempi previsti dalla cartella a decorrere dalla notifica della stessa.

Per quanto riguarda il saldo si rinvia alle possibilità di pagamento indicate all’ipotesi I.b. sopra esaminata.