Contenuto principale

Protezione Civile

Viale Europa ex Pretura
Telefono 081 8728155


Per segnalare emergenze
Centralino Polizia Municipale  tel.  081 39 00 301 (dalle ore 8.00 alle 22.00)       
Dopo le ore 22.00    tel.  081 8711010  Stazione dei Carabinieri                
Fax H24  081 3900303
Cellulare di Reperibilità  349 77 55 409
Le telefonate alle strutture vengono registrate.

La Protezione civile
La Protezione Civile è una organizzazione nazionale di cui fanno parte gli organi di governo, Enti pubblici, Province, regioni, cittadini, gruppi di volontari che svolgono attività preventive e risolutive al servizio e per la sicurezza dei cittadini e dei loro beni minacciati o colpiti da eventi calamitosi.
La Protezione Civile è anche fare cultura nel considerevole obiettivo di rendere consapevoli i cittadini dei rischi che corrono e pertanto più rispettosi del territorio abitato onde evitare conseguenze pericolose alla comunità.
Il Piano Comunale di Emergenza costituisce lo strumento operativo di coordinamento delle risorse umane e dei mezzi per gestire l’emergenza.
Il metodo Augustus rappresenta un punto di riferimento per tutti gli operatori di protezione civile competentemente impegnati nelle emergenze.

L’autorità
Il Sindaco è l’autorità comunale di protezione civile. Il Sindaco organizza la risposta di protezione civile del proprio territorio, attraverso la costituzione di una sala operativa comunale. 

La struttura di coordinamento
Le struttura di coordinamento della protezione civile attivate localmente sono il C.O.C. ed il C.O.M.
Il C.O.C. (centro operativo comunale) istituito e presieduto dal Sindaco, viene attivato quando si verifica l’emergenza, nell’ambito del territorio comunale per la direzione, il coordinamento di soccorso e di assistenza alla popolazione colpita. Il C.O.C. è di norma ubicato in un edificio non vulnerabile, in una area di facile accesso. Il C.O.M. (centro operativo misto) opera sul territorio su più comuni in supporto alle attività dei sindaci per la gestione ed il coordinamento degli interventi esecutivi di protezione civile in sede locale, intercomunale o comunale. L’ubicazione del C.O.M. deve essere baricentrica rispetto ai comuni coordinati e localizzata in locali non vulnerabili. 

Il territorio
Il territorio del comune di Castellammare di Stabia possiede delle caratteristiche del tutto peculiari nei riguardi dei rischi connessi a vari fenomeni calamitosi quali eventi franosi, allagamenti, inondazioni, incendi boschivi, rischio vulcanico, terremoti ecc.
Generalmente terremoti, frane ed eruzioni vulcaniche si presentano nei luoghi in cui in passato si sono verificati, ma non sappiamo quando e come potranno manifestarsi in quanto sono eventi complessi ed imprevedibili.

Il Gruppo comunale di Protezione civile
Nel 2008 per fornire adeguata protezione ai cittadini, il Comune si è dotato del Gruppo Comunale di Protezione Civile, costituitosi con delibera di C.C. n°130 del 30.09.2008 e regolarmente formato ed iscritto all’Albo Regionale.
“I Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile prestano la loro opera senza ricevere compensi economici, assicurando lealtà, senso di responsabilità e spirito di collaborazione. Sono impegnati in tutte le attività di protezione civile, vale a dire di previsione, prevenzione, soccorso e superamento dell’emergenza”. Il Gruppo comunale di Protezione civile ha un disciplinare interno , per farne parte occorre presentare domanda di ammissione

L’Ufficio comunale di Protezione Civile
L’ufficio comunale di Protezione civile, istituito dal 1985, attualmente è ubicato alla via Napoli 346 ed è sede di C.O.C. e C.O.M.; tale ufficio si avvale del gruppo Comunale di Protezione Civile.
Nel 1992, il comune di Castellammare di Stabia, seguendo i dettami legislativi, si è dotato di un nuovo strumento di pianificazione che ha sostituito in parte quello redatto nei primi anni ‘80, con l’intento di raccogliere istruzioni da adottare flessibilmente nel momento in cui si presentasse l’evento micro-macro-calamitoso.
Attualmente, nella consapevolezza dei limiti dello strumento esistente e tuttora vigente, si sta ultimando la redazione di uno stralcio che tenga conto delle peculiarità del più efficace “metodo di Augustus” per la pianificazione delle attività di protezione Civile.

Con la delibera n.2 del 2 Febbraio 2016 adottata dal Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale è stato approvato il: "Piano di Emergenza e Protezione Civile"