Contenuto principale

Urbanistica On line

 
 

Piano regolatore generale

Il Piano Regolatore Generale, definito dalla Legge Urbanistica Nazionale n.1150 del 17 agosto 1942, è lo strumento che disciplina l'assetto dell'incremento edilizio e lo sviluppo in generale del territorio comunale.

Il Piano Regolatore considera la totalità del territorio comunale ed indica essenzialmente:

   1. la rete delle principali vie di comunicazione stradali, ferroviarie e navigabili e dei relativi impianti;
   2. la divisione in zone del territorio comunale con la precisazione delle zone destinate all'espansione dell'aggregato urbano e la determinazione dei vincoli e dei caratteri da osservare in ciascuna zona;
   3. le aree destinate a formare spazi di uso pubblico o sottoposte a speciali servitù;
   4. le aree da riservare ad edifici pubblici o di uso pubblico nonché ad opere ed impianti di interesse collettivo o sociale;
   5. i vincoli da osservare nelle zone a carattere storico, ambientale, paesistico;
   6. le norme per l'attuazione del piano (art.7 L.1150 del 17 agosto 1942).

Le previsioni di piano sono attuate, prevalentemente, mediante le concessioni edilizie rilasciate generalmente sulla base di piani attuativi (piani di lottizzazione, piani di recupero ecc...) di natura privata.

Il Piano Regolatore ha in generale una validità di dieci anni, ma le previsioni in esso contenute possono essere protratte nel tempo e/o modificate, in tutto od in parte, mediante variante che ne adegua le previsioni e le caratteristiche in relazione alle esigenze che vengono manifestate.

Il Comune di Castellammare di Stabia è dotato di Piano Regolatore Generale, approvato con Decreto Presidente Giunta Regionale Campania n. 8180 del 04/07/1980, entrato in vigore il 01/02/1981.

Con Delibera di Consiglio Comunale n. 73 del 16/12/1999 è stata adottata la Variante di Adeguamento del P.R.G. al P.U.T. (Piano Urbanistico Territoriale), ai sensi della Legge Regionale 35/87.

La Variante di Adeguamento è stata approvata (con prescrizioni) con Decreto del Presidente dell'Amministrazione Provinciale di Napoli n. 324 del 22/03/2005, pubblicato sul B.U.R.C. (Bollettino Ufficiale Regione Campania) n. 24 del 02 maggio 2005.

Con il Decreto n. 155 del 20/03/2007 il Presidente dell’Amministrazione Provinciale di Napoli in esecuzione della deliberazione della Giunta Provinciale n. 71 del 08/02/2007, e secondo le procedure e le modalità previste dalla Legge Regionale 22/12/2004 n. 16, ha approvato la variante al Piano Regolatore Generale adottata dal Consiglio Comunale con Delibera n. 126 del 13/09/2006 - in adempimento alle prescrizioni di cui al Decreto Presidente Amministrazione Provinciale n. 324 del 23/03/2005 - così come modificata in sede di Conferenza di Servizi e ratificata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 4 del del 10/01/07. Il suddetto Decreto è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 23 del 23.04.2007. Decorsi quindici giorni dalla pubblicazione la variante entra in vigore ed acquista efficacia a tempo indeterminato.

Gli atti amministrativi e gli elaborati della variante al P.R.G. approvata sono depositati, a libera visione del pubblico, per tutta la durata della sua validità, presso i locali della Segreteria Comunale, per l’occasione indicati al secondo piano di Palazzo S.Anna - Salita Marchese de Turris, nell’Ufficio di Piano del Settore Urbanistica, oltre che pubblicati su questo sito.

Gli atti amministrativi e gli elaborati tecnici afferenti il Piano di recupero, ai sensi della Legge 219/81, assunti integralmente nella variante di adeguamento del P.R.G. per adeguamento al P.U.T  di cui alla Legge Regionale 27 giugno 1987  n.35 e approvata con Decreto del Presidente Amministrazione Provinciale n. 324 del 17/03/2004, sono
depositati, a libera visione del pubblico, nell’Ufficio Centro Antico del Settore Urbanistica, al terzo piano di Palazzo S.Anna - Salita Marchese de Turris.